Tempesta di fulmini di fronte Genova, 1 settembre 2012

1 (6)

Durante le prime ore di domenica due settembre un minimo di bassa pressione in quota, con la presenza di temperature di quasi -20 a 500hpa nel suo core, ha favorito l’innesco di alcuni violenti temporali a spasso tra mar di Corsica e mar Ligure. Alcuni di questi temporali presentavano un’attività elettrica molto spiccata e vivace.

Lungo la costa ligure da levante sino al savonese il vento da nord-est impostato già da diverse ore rendeva l’atmosfera tersa e limpida. Spostandosi verso il mare però la situazione cambiava bruscamente. Un’attiva convergenza tra i venti meridionali che si spingevano sin verso l’alto mar Ligure e la ventilazione settentrionale sottocosta ha favorito la formazione dei cumulonembi.

I temporali si sono mantenuti sempre a debita distanza dalla costa genovese mostrando tutta la loro struttura. L’aria secca rendeva possibile fotografare le fulminazioni all’interno delle nubi convettive illuminate dai fulmini e dalla luna.

Al termine dell’evento durante l’alba di domenica Genova sarà rimasta sempre al di fuori dei fenomeni “protetta” da un vento settentrionale che non si è mai attenuato, spettatrice di una eccezionale tempesta di fulmini a pochi chilometri dalla costa. La riviera di ponente, segnatamente le località ad ovest di Savona hanno invece sperimentato alcuni intensi rovesci temporaleschi, talvolta grandinigeni.

Potrebbe anche piacerti

risus. eget nec quis, nunc dolor fringilla in venenatis