Temporali autunnali Liguria e Toscana, 15 ottobre 2019

In questa giornata abbiamo vissuto una dinamica di tipo autunnale, con temporali di tipo marittimo che hanno interessato la costa Ligure e la costa della Toscana. Come è tipico dei mesi di ottobre e novembre, lungo il lato ascendente di una circolazione di bassa pressione in arrivo dall’Europa occidentale, sono venute a crearsi due distinte dinamiche legate prima ad una fase prefrontale prima, e poi al passaggio di un fronte freddo. Entrambe queste fasi hanno dato luogo a temporali di una certa importanza. La fase prefrontale è esordita nella tarda serata di martedì 15 ottobre ed è proseguita per tutta la notte, colpendo duramente la Liguria.

Le prime fotografie di questo reportage si riferiscono appunto alla prima fase di questo passaggio, con lo sviluppo di un temporale dalle caratteristiche autorigeneranti che ha interessato soprattutto la parte orientale della provincia di Savona e la parte occidentale della provincia di Genova, inclusi i quartieri del ponente cittadino. Scirocco teso ha soffiato nella parte avanzante del temporale, risalendo mar Tirreno ed infine approdando sul mar Ligure. Abbastanza limitata l’attività elettrica, costituita soprattutto da fulmini intra-nube la cui luminosità è stata spesso occultata dall’imponente cortina di pioggia in caduta sotto al temporale.

Abbiamo passato la notte fuori, seguendo lo sviluppo di questo temporale per gran parte del tempo e concedendoci soltanto una breve pausa di sonno al primo mattino. In tarda mattinata, mercoledì 16 ottobre, con appena una manciata di ore di sonno sulle spalle, decidiamo di scendere verso la Toscana, aspettando il passaggio del fronte freddo atteso nel pomeriggio. Decidiamo di muoverci verso la Marina di Pisa, memori del grandioso panorama osservato durante l’incredibile supercella dell’8 settembre.

Proprio tra il pomeriggio e la serata i modelli mettevano in luce il passaggio del fronte freddo, con rotazione del vento inizialmente da Scirocco (sud-est) poi a Libeccio (sud-ovest), accompagnato da schiarite.

Con grandiosa velocità, il temporale associato al fronte freddo ci oltrepassa poco prima del tramonto, con pioggia forte e tuoni fragorosi. Ci siamo riparati sotto una tettoia, godendoci lo spettacolo fino alla fine. Le fotografie nel secondo album, mostrano la trionfale avanzata del fronte freddo dal mare aperto fino alla costa, preceduto da una turbolenta shelf cloud e seguito da raffiche intense e fredde di Libeccio a chiudere l’intera dinamica.

Potrebbe anche piacerti

Curabitur mattis leo Lorem porta. elit. in Sed libero. felis neque.