Topeka KS supercell, 21 may 2011

1 (16)

Dopo aver passato la notte a Wichita, in Kansas, decidiamo di muoverci verso est in direzione di Emporia. Gli aggiornamenti per questa giornata danno solo un leggero rischio di sviluppo tornado, il setup nel complesso era definibile come marginale, con temporali generici che solo occasionalmente potevano organizzarsi in supercelle.

Risulterà invece una delle giornate di caccia più emozionanti dell’intero viaggio, avremo l’opportunità di osservare l’intero ciclo vitale di una supercella di tipo classico, sino alla sua evoluzione in HP (Hig Precipitation) ed il suo definitivo dissolvimento. Altre supercelle si svilupperanno tra la serata e la prima parte della notte.

 

 

Attorno metà pomeriggio da Emporia osserviamo la linea di cumuli che tende a spostarsi lentamente verso est, crescendo. Quando i cumuli si sono avvicinati alla nostra posizione, decidiamo di spostarci ancora verso nord sino a raggiungere Council Grove. La linea di cumuli era inizialmente composta da elementi piuttosto piccoli e poco sviluppati verticalmente, all’apparenza innoqui.

Poco prima di arrivare a Topeka, il complesso sistema convettivo, una multicella composta da tre updraft distinti, inizia a mostrare segni di maggiore organizzazione. Le relative basi dei due updraft più a nord, scompaiono sotto intense precipitazioni mentre solo quella più a sud sopravvive, staccandosi dalla pioggia e divenendo sempre più definita.

Arrivati in prossimità di grossi campi poco distanti dalla città, attendiamo che il fronte cumuliforme in arrivo da occidente ci sorpassi allontanandosi verso est. I cumuli tentano ora di rompere l’inversione, trasformandosi in cumulonembi. Alcune parti di updraft non più attive tendono a disgregarsi in minuscoli cristalli di ghiaccio che danno ai contorni delle nubi, un aspetto vaporoso.

Posizionandoci in un buon punto di osservazione appena al di fuori della città, assistiamo ad uno stupendo spettacolo, con la formazione di una supercella definita e scolpita che si avvicina gradualmente al nostro punto di osservazione. Il WX mostra convinti segnali di rotazione mesociclonica, il vento di inflow si intensifica, l’attività elettrica aumenta.

Col passare dei minuti, i cumuli tenderanno a crescere sempre più velocemente, diventando ben presto cumulonembi maturi. La linea di cumuli congesti e cumulonembi in fase di pieno sviluppo si allontana verso est rispetto alla nostra posizione. Decidiamo di avvicinarci per vedere cosa succede. Il fronte cumuliforme appare nel pieno della crescita.

Inizialmente la supercella presentava una rotazione soltanto modesta ma in pochi minuti la forma striata del mesociclone si è resa sempre più evidente, sino ad assumere una forma impressionante, diversi funnel hanno tentato di svilupparsi al sotto della sua base. Durante questa fase è stata segnalata per breve tempo la presenza di una circolazione tornadica al suolo.

Quando la base della supercella era molto vicina alla nostra posizione decidiamo di “scappare” da una potenziale situazione pericolosa per portarci verso est, attraversando la città di Topeka. Proprio in quel momento si sviluppa un vistosissimo funnel molto proteso verso il suolo. Sono momenti di grande agitazione.

Appena superate le case, ci fermiamo al primo campo disponibile per osservare l’incredibile rotazione della wall-cloud sotto la base della supercella. In questa fase il temporale presentava ancora scarse precipitazioni sotto la sua base, la supercella poteva essere classificata di tipo classico, con l’area di precipitazioni spostate sulla destra.

Il mesociclone che sino a quel momento si era presentato privo di precipitazioni sotto di esso, inizia a riempirsi di grandine e pioggia! La supercella diventa quindi outflow dominated passando ad una struttura simile ad una HP supercell. (hig precipitation) Una grossa shelf cloud si sviluppa tutta attorno ad essa e prende piede!

Giunti ormai all’imbrunire, una seconda supercella prende forma a poca distanza dalla nostra posizione. Quando la struttura è abbastanza vicina, decidiamo di seguirla nel suo spostamento.

Questo secondo temporale ci porterà a cacciare sino alla periferia di Kansas City, dove purtroppo il paesaggio risulta dominato da alberi e boschi che impediscono una corretta visione del cielo. Troviamo comunque ancora occasioni per scattare qualche foto della supercella ormai nelle ore di buio.

Il mesociclone da posizione ravvicinata

Potrebbe anche piacerti

mattis diam sem, eleifend Nullam justo sit et, tempus efficitur. commodo quis